Baby Rucola

Eruca Vesicaria

La rucola è una pianta erbacea annuale, alta 20-80 cm, molto aromatica e di sapore piccante, con fusti ascendenti, generalmente ramificati e spesso arrossati in alto, glabrescenti o ± ispidi per peli semplici. Foglie picciolate, glabre, succose e carnosette, morfologicamente molto variabili, da sinuato-dentate, lirato-pennatifide a pennatosette, lunghe fino a 15 cm.

Etimologia

Il nome del genere deriva dal lat. ‘erùca’, bruco, che forse proviene da un antico vocabolo Rùga (spagnolo oruga), nome dato ad un bruco verde che si ciba delle specie della famiglia delle brassicacee, verosimilmente il pieride dei cavoli.

L’epiteto specifico dal lat. ‘vesicarius, -a, -um’ (< ‘vesica’), di vescica, in riferimento probabilmente alle proprietà diuretiche della specie.

Erba antiscorbutica, stimolante, diuretica e rubefacente, con alta concentrazione di sostanze azotate che le danno il caratteristico sapore piccante. I fiori hanno un sapore simile, ma più blando, e vengono anch’essi utilizzati per guarnire le insalate. Questa pianta si trova spontaneamente nei nostri territori e fa parte della tradizione erboristica e culinaria italiana, in cui le misticanze di erbe commestibili sono particolarmente frequenti.

Ricca di acqua, proteine e carboidrati, vanta una percentuale importante di calcio, che in una dieta equilibrata risulta essenziale. Nelle diete vegetariane e vegane rappresenta un’ottima alternativa al calcio di origine animale.

Sia le foglie che i semi della ruchetta venivano usati come aroma dai romani, ed erano comuni in Gran Bretagna nell’epoca elisabettiana. Oggi anche in Italia è molto comunemente coltivata come erba da insalata.
I semi dall’aroma piccante vengono utilizzati come quelli della senape ed in alcuni paesi se ne estrae un olio alimentare dal sapore gradevole.

Curiosità

di origine prevalentemente mediterranea, la rucola assunse un ruolo importante soprattutto sotto i Romani che, prima di usarla come condimento per le pietanze, le associavano proprietà afrodisiache e curative in genere. Si dice che nel Medioevo, proprio per il suo potere eccitante, fosse proibito coltivarla nei monasteri.

Related produce

Lemon Spinach

Rumex Patientia

Rispetto alle rumex, la lemon spinach presenta un particolare sapore agrumato. Selvatica o coltivata, questa varietà ha un forte e aspro sapore di limone (grazie all’acido ossalico presente nelle sue foglie). È ricco di sostanze nutritive e ha un carattere più deciso e brillante di quello che si può trovare nelle verdure più comuni.

Ruta

Ruta graveolens

Piccola pianta perenne suffruticosa alta 40-100 cm, glabra, glauca, ghiandolosa in alto, con fusto lignificato solo alla base di colore argenteo e rami eretti.

Mizuna Corallo

Brassica juncea japonica rossa

La Brassica rapa L. var. juncea japonica è una varietà di rapa che si contraddistingue per la presenza di foglie bordeaux profondamente seghettate a forma di quercia in contrasto con sottili steli verdi, fino a 35 – 40 cm di lunghezza, di consistenza liscia e leggermente piumata.

Basilico Rosso

Ocimum basilicum purpurascens

Il basilico rosso o purpureo è una varietà di basilico opale scuro. Come molti basilici, è una cultivar di Ocimum basilicum (basilico dolce). Questa varietà ha insolite foglie rosso-viola e un sapore più forte del basilico dolce, il che lo rende più attraente per condire insalate e contorni.

Pimpinella

Pimpinella anisum

Pianta erbacea annuale, con forte odore aromatico. Fusto cilindrico striato, eretto e pubescente alto fino a 50 cm.

Senape Fire

Brassica Nigra v Red Mustard

Pianta annua, erbacea, con fusti eretti, semplici o ramificati, ispidi, solcato-angolosi, fistolosi; alta fino a 150 cm.