Acetosella

Oxalis acetosella

Acetosella da Casa Coppelle
Acetosella da Giulia
Acetosella da Luciano
Rossa e verde con foglie trilobate, acidula e pulente

L’acetosella è una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Oxalidaceae, dalle infiorescenze di colore rosa tenue, giallo, fucsia o bianco che cresce in modo spontaneo in habitat montani, submontani ed in zone umide.

Pur essendo molto diffusa in Italia, non è facile da riconoscere perché tende a confondersi con il comune trifoglio.

Etimologia

Il nome del genere deriva dal greco “oxys” = acido, “hall “= sale per il suo elevato contenuto di acido ossalico, mentre acetosella in relazione al sapore acidulo delle foglie.

Questa pianta ha proprietà rinfrescanti, astringenti, depurative e per via esterna è antinfiammatoria e decongestionante. E’ considerata anche pianta antiscorbutica per il suo contenuto di vitamina C.

Controindicata, per il suo elevato contenuto di ossalato acido di potassio ai sofferenti di disturbi renali, epatici ed ai gottosi, può causare calcolosi, intossicazioni e gravi lesioni renali.

In cucina, un tempo, si impiegavano, con parsimonia, le foglioline tenere per le insalate miste e per le salse; lo spiccato sapore acidulo le rendeva gradevoli.

Nel passato, i droghieri preparavano un prodotto detto “ sale di acetosa”, estratto dalla pianta, che si usava per togliere le macchie di ruggine e di inchiostro dai tessuti e serviva anche a pulire il cuoio.

Il sale di acetosa veniva impiegato anche come mordente, per fissare i colori della lana e dei tessuti e come disincrostante per i radiatori delle auto.

Curiosità

In Inghilterra viene chiamata popolarmente anche “ bella addormentata” o “ trifoglio dormiente” come per giustificare il suo particolare comportamento durante le ore più calde delle giornata o quando piove, infatti le sue foglioline ed infiorescenze si appressano a richiudersi.

Nel linguaggio dei fiori, questa pianticella per la sua delicata bellezza e per il suo elegante portamento, viene associata alla protezione ed all’amore materno.

Fonte:
https://www.floraitaliae.actaplantarum.org/viewtopic.php?t=1304

Prodotti correlati

Acetosa

Verde con venature rosse, acido e croccante

L’acetosa è una pianta erbacea, perenne, che presenta un fusto rossastro e cavo. Le foglie sono grandi di colore verde scuro, mentre i fiori verdi o rossastri si presentano in grappoli.

Tatsoi

Verde con foglie rotonde, delicato e croccante, amarognolo

Il tatsoi ( Brassica rapa subsp. Narinosa o Brassica rapa var. Rosularis è una pianta erbacea della famiglia delle Brassicaceae , coltivata e consumata come ortaggio soprattutto nella cucina asiatica . È strettamente correlato al bok choy.

Mizuna Corallo

Violacea con foglie seghettate, acre e pungente

La Brassica rapa L. var. juncea japonica è una varietà di rapa che si contraddistingue per la presenza di foglie bordeaux profondamente seghettate a forma di quercia in contrasto con sottili steli verdi, fino a 35 – 40 cm di lunghezza, di consistenza liscia e leggermente piumata.

Shiso

Verde e rosso, aromaticità intensa e persistente

Chiamato anche basilico cinese o timo giapponese, lo Shiso è una specie erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Lamiacee. È una specie aromatica che emana un profumo intermedio tra quello dell’anice e la melissa.

Nasturzio

Verde con foglie rotonde, sapore acidulo e piccante al finale

Originario del Perù, il nasturzio è oggigiorno coltivato ovunque, sia come pianta ornamentale (i suoi fiori sono molto apprezzati in questo senso) che come pianta per uso culinario, ma non solo.

Erba Ghiaccio

Foglie oblunghe, morbida e succosa, sentori minerali e freschi

Pianta erbacea annuale o biennale di aspetto strisciante, succulenta, densamente ricoperta di papille acquose con riflessi cristallini, spesso sfumata di rosso e lunga 30 – 60 cm. Foglie opposte, carnose, spatolate o ovate con margine ondulato e larghe fino a 50 mm.