Finocchietto

Foeniculum vulgare Mill

Finocchietto da Proloco Trastevere
Verde dalle foglie filiformi, odore e gusto intensi e unici

Il finocchio selvatico è una pianta spontanea, perenne, dal fusto ramificato, alta fino a 2 m. Possiede foglie che ricordano il fieno, da cui il nome foeniculum, di colore verde e produce in estate ombrelle di piccoli fiori gialli. Seguono i frutti (acheni), prima verdi e poi grigiastri. Del finocchio selvatico si utilizzano i germogli, le foglie, i fiori e i frutti, impropriamente chiamati “semi”.

Conosciuto fin dall’antichità per le sue proprietà aromatiche, la sua coltivazione orticola sembra che risalga al XVI secolo.

Etimologia

Nome latino del finocchio in Plinio, assonante con foenum = fieno, per le foglie laciniate e la sua fragranza.

Le foglie fresche del finocchio selvatico sono perfette per le insalate e i piatti di pesce, ma anche per le salse e per la preparazione dell’aceto aromatizzato. Il finocchietto selvatico, di cui si raccoglie solo la parte tenera e le piccole foglie filiformi, viene raccolto a fine inverno. Ha proprietà depurative, tonico-aperitive, carminative, antispasmodiche.

Utilizzato nelle preparazioni a base di carne e pesce, in alcuni dolci e conserve di frutta. I frutti si sposano particolarmente bene con le carni grasse e sono l’insaporitore principe per la porchetta.

I semi di finocchio selvatico contengono dal 5 all’8% di olio essenziale, costituito principalmente da anetolo (50-80%), estragolo, fencone, pinene e limonene. Questi hanno un tipico sapore dolce dovuto all’anetolo. L’aroma solitamente viene descritto come simile a quello dei semi di anice (che ricordano la liquirizia), ma meno pungente, più dolce, con toni più vegetali, erbacei, mentolati.

Curiosità

Dal finocchio proviene il termine infinocchiare, nel senso di “truffare, imbrogliare” che deriva dalla pratica di utilizzare il finocchio come antipasto per ingannare il gusto del cliente nei confronti di un vino di scarsa qualità o di utilizzarne i semi per alterare il gusto del vino imbottigliato.

Prodotti correlati

Nasturzio

Verde con foglie rotonde, sapore acidulo e piccante al finale

Originario del Perù, il nasturzio è oggigiorno coltivato ovunque, sia come pianta ornamentale (i suoi fiori sono molto apprezzati in questo senso) che come pianta per uso culinario, ma non solo.

Shiso

Verde e rosso, aromaticità intensa e persistente

Chiamato anche basilico cinese o timo giapponese, lo Shiso è una specie erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Lamiacee. È una specie aromatica che emana un profumo intermedio tra quello dell’anice e la melissa.

Basilico Rosso

Violaceo dall'odore intenso e prolungato, dolciastro e pungente

Il basilico rosso o purpureo è una varietà di basilico opale scuro. Come molti basilici, è una cultivar di Ocimum basilicum (basilico dolce). Questa varietà ha insolite foglie rosso-viola e un sapore più forte del basilico dolce, il che lo rende più attraente per condire insalate e contorni.

Menta Hierba Buena

Verde, sentori gradevoli e forti, rinfrescante

Pianta erbacea perenne alta fino a 90 cm, spesso stolonifera, legnosa alla base, con un forte odore acre, ha il fusto eretto o ascendente, quadrangolare, ramificato e con pelosità variabile.

Mix Baby leaves + aromatiche

Colorato, croccante e con aromi freschi e balsamici

Acetosa (Rumex sanguineus var. sanguineus), bietolina (Beta Vulgaris L.), baby rucola (Eruca Vesicaria), mizuna corallo (Brassica juncea japonica rossa), mizuna green (Brassica rapa var. niposinica), mizuna red (Brassica rapa var. niposinica rossa), red kale (Brassica oleracea), senape riccia (Sinapis arvensis L.), spinach lemon (Rumex Patientia) e tatsoi (Brassica rapa subsp. narinosa)

Basilico Greco

Verde a foglie piccole, intenso e aromatico

Originario dell’India, il basilico greco è una pianta erbacea annuale che appartiene alla famiglia delle Lamiaceae e si differenzia dal basilico comune per il suo profumo più dolce e delicato, oltre alle infiorescenze molto piccole e di colore bianco che sorgono durante la stagione primaverile/estiva.